Le collezioni storiche

Ottocento anni di appassionanti vicende dei Francescani di Terra Santa

La storia dei Francescani in Terra Santa ha inizio nel XIII secolo con il viaggio di San Francesco. In tempi di guerre e crociate, il Santo cercò una via per la pace incontrando il sultano d’Egitto. Nel 1342, con una bolla papale, ai Frati Minori venne ufficialmente affidato il compito di custodire la Terra Santa in nome della Chiesa Universale – di fatto il riconoscimento legale della Custodia di Terra Santa, che pochi anni dopo, nel 1347, venne legittimato anche dai Mamelucchi. Da allora, i “frati della corda” hanno incessantemente aiutato i pellegrini e custodito i Luoghi Santi, dimostrando – spesso in condizioni drammatiche, – una continua e coraggiosa testimonianza fino ai giorni nostri.

La sezione storica è composta dalle straordinarie e rare collezioni di scultura, dipinti, oreficeria (calici e candelabri), codici miniati del 1400 e 1500, corredi, paramenti liturgici e preziosi documenti d’archivio, rari vasi da farmacia e armature – oggetti in gran parte donati nei secoli dalle Case Reali europee, dalle Repubbliche italiane e dallo Stato della Chiesa per manifestare la loro devozione ai Luoghi Santi e sostenere la Custodia.

L’esposizione del patrimonio storico, documentario e artistico, rende la sezione uno strumento prezioso per comprendere il significato del pellegrinaggio in Terra Santa e il ruolo che i francescani hanno svolto nella storia, in nome della Chiesa Universale.

Dal settembre 2016 un comitato scientifico internazionale diretto da Béatrix Saule (direttore emerito del Museo del Castello di Versailles) lavora per una strategia comune sulla raccolta fondi e costituzione di questo nuovo museo.

 

Visita le immagini delle collezioni storiche.

 

 

 

Condividi
email whatsapp facebook twitter google plus