News

16 Aprile 2015

Dal Terra Sancta Museum opere in prestito alla mostra “L’arte di Francesco” a Firenze (31 marzo – 11 ottobre 2015)

Il 30 marzo si inaugura la mostra L’arte di Francesco – Capolavori d’arte italiana e terre d’Asia dal XIII al XV secolo presso la Galleria dell’Accademia di Firenze, curata da Angelo Tartuferi e da Francesco D’Arelli, con l’importante contributo dell’Ordine dei Frati minori

La mostra documenta l’eccezionale produzione artistica di diretta matrice francescana (pittura, scultura, arti suntuarie) dal Duecento al Quattrocento e si sofferma sulla straordinaria attività evangelizzatrice dei francescani in Asia, dalla Terra Santa alla Cina. L’erigendo Terra Sancta Museum della Custodia di Terra Santa ha prestato opere essenziali a questa mostra – documenti d’archivio, capitelli e lapidi provenienti soprattutto dalla sezione archeologica del Museo.

Il Terra Sancta Museum coprirà una superficie espositiva di oltre 2.500 m² e sarà composto da tre sezioni – Multimediale, Archeologica e Storia della Custodia di Terra Santa – vicine alle principali mete di pellegrinaggio e turistiche di Gerusalemme. Con l’apertura al pubblico di un moderno centro museale, i francescani della Custodia desiderano valorizzare il patrimonio artistico e culturale conservato nei luoghi dove Gesù ha vissuto, e nel contempo diffondere un forte messaggio di pace e fratellanza favorendo l’incontro tra diverse culture e religioni (cristiane, musulmane, ebraiche, il mondo laico).
Come ha spiegato p. Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa – in occasione della presentazione del progetto museale alla stampa – «In questo particolare e delicato momento storico è di fondamentale importanza far conoscere al mondo intero la storia della presenza cristiana in Terra Santa, per favorire una maggiore consapevolezza delle nostre radici. Nei momenti difficili San Francesco diceva un raggio di sole è sufficiente per spezzare via molte tenebre; Terra Sancta Museum nasce anche da queste parole: una nuova realtà che porti la comunità cristiana a instaurare un legame solido e duraturo con Gerusalemme».