News

1 Aprile 2019

A.Sakleh, falegname di Betlemme: “I miei armadi accoglieranno un tesoro!”

C’è un’insolita agitazione nel Dipartimento dei Beni Culturali della Custodia di Terra Santa: l’andirivieni dei volontari che trasportano paramenti liturgici e quello dei carpentieri chiamati per installare nuovi armadi di legno all’interno di una sezione dell’Ufficio. Afeef Saklheh, falegname di Betlemme, supervisiona le operazioni e impartisce istruzioni in arabo agli uomini che lavorano con lui. “Ho lavorato a questo progetto per quasi due mesi”, dice, sollevando il trapano. “Questo lavoro è eccitante perché so che i miei armadi accoglieranno un tesoro! “. Desiderosa di accompagnare le comunità locali e mantenere il legame profondo intrecciato con loro per 800 anni, la Custodia desidera integrarle nello sviluppo e nella gestione del futuro museo. La squadra di Afif è stata quindi incaricata dalla Custodia di costruire nuovi armadi per accogliere gli abiti liturgici offerti fin dal XV secolo dalle corti europee reali in Terra Santa.

Attualmente conservate nella sagrestia, le opere saranno gradualmente trasferite in questi nuovi armadi per formare il deposito del museo. “I paramenti saranno più vicini al museo di quanto lo siano ora”, aggiunge Benoit Colin, storico dell’arte, specialista tessile e coordinatore del progetto. “Il nostro team trarrà vantaggio da questa nuova collocazione per pulire le vesti, rimuovere la polvere, stabilire lo stato di conservazione e collocarli nei nuovi cassetti soddisfando tutti gli standard di conservazione.”

Condividi
email whatsapp facebook twitter google plus
1 Gennaio 1970

Funerali di Cristo: i tesori del Venerdì Santo

1 Gennaio 1970

Scopri il team del Terra Sancta Museum!

1 Gennaio 1970

Raccolta di fondi: quando l’Inghilterra sostiene il Terra Sancta Museum di Gerusalemme