15 Novembre 2020

La miniatura dei manoscritti dei giorni nostri:  “La pazienza di un angelo e gli occhi di un falco”

Il parigino Olivier Naude conduce una doppia vita. Lavora quotidianamente come agente di assicurazioni, ma la sua vera vocazione è la miniatura di manoscritti e ha appena completato diversi capolavori per il Terra Sancta Museum. Come i monaci artisti medievali dell’epoca d’oro della miniatura, Naude è tutta precisione, pazienza e passione. Incontra l’uomo per il quale la foglia d’oro non ha segreti.

È la riunione del settembre 2020 del Comitato Scientifico del Terra Sancta Museum, e Olivier Naude, invitato a partecipare a una sessione di lavoro, presenta con cura i delicati fogli da lui realizzati per il Museo. “Quello che vedete davanti a voi rappresenta più di 400 ore di lavoro” si lascia umilmente sfuggire. Quattrocento ore per ricreare tre carteglorie miniate che verranno inserite in apposite cornici in madreperla di Betlemme. I membri del Comitato sono entusiasti dei motivi e della calligrafia squisitamente dipinti. Qualche giorno dopo, lo troviamo nell’accogliente atmosfera del suo appartamento parigino. Piccoli dipinti dai colori scintillanti punteggiano le pareti, molti dei quali sono stati recentemente esposti nella mostra “Illuminations” del 2019: Dipingere l’infinito in miniatura” presso l’Istituzione Sainte Marie Anthony, vicino Parigi.

La versatilità di un artista

Ottimo anche come insegnante, Naude spiega innanzitutto che l’arte della miniatura dei manoscritti ha tradizionalmente riunito diversi mestieri: “…fino al XVIII secolo, i miniatori lavoravano con calligrafi, gli scribi che trascrivono il testo, e con doratori che aggiungevano dettagli in oro ai manoscritti. I miniatori prendevano parte solo alla decorazione dei manoscritti. Erano dei veri artisti. I più grandi pittori in miniatura del tardo Medioevo francese, Jean Fouquet e Jean Bourdichon, sono stati prima di tutto pittori, così come il loro contemporaneo italiano, Fra Angelico“. Oggi però, spiega, i miniatori di manoscritti non lavorano più in una “bottega” o insieme ad altri artigiani. Devono quindi eseguire anche loro stessi la calligrafia e la doratura, prima di arrivare finalmente alla pittura, il cuore della loro professione.

Naude lavora su carte speciali che imitano la pergamena, così come su vere e proprie pergamene o pelli di capretto che richiedono settimane di preparazione. La prima fase del lavoro è la “rigatura” o impaginazione, ovvero l’impostazione delle linee che guideranno la scrittura delle lettere. Poi si lavora sulla calligrafia. Segue il disegno preliminare, e poi la doratura, un passo che richiede una grande attenzione ai dettagli. “Può sembrare sorprendente, ma le parti dorate vengono fatte subito dopo il disegno. La foglia d’oro non può essere applicata dopo la verniciatura, perché le scaglie di metallo che vengono spolverate [durante il processo di doratura] tendono ad aderire alla vernice [bagnata]…”, spiega questo appassionato.

Ma ciò che ha reso famosi i manoscritti dal V al XVIII secolo è stato l’uso innovativo del colore – da “pigmenti naturali che danno profondità e luminosità ai dipinti in miniatura dei manoscritti. Opere così famose che nemmeno i rivoluzionari francesi avrebbero osato distruggere durante i numerosi saccheggi delle biblioteche delle abbazie, dice Olivier. “Non dobbiamo dimenticare che, fino al Rinascimento, i due grandi sostenitori della pittura erano i muri delle chiese e il libro. Poiché i libri sono tenuti chiusi, i dipinti in essi contenuti si sono perfettamente conservati, e sono [ancora] abbaglianti alla vista”. Questa forma d’arte e questo patrimonio culturale sta diventando sempre più noto ora che molti manoscritti sono stati digitalizzati e resi disponibili online.

Ispirazione e creazione

Contattato da Jacques Charles-Gaffiot – membro del Comitato Scientifico – durante il restauro delle carteglorie del XVII e XVIII secolo realizzati da maestri della madreperla di Betlemme, Olivier Naude ha notato che i testi di questi “promemoria per celebranti” erano scomparsi. “Prima di tutto ho dovuto trascrivere i testi liturgici nel modo migliore possibile per lasciare un po’ di spazio alla miniatura, perché sono soprattutto un miniatore, non un calligrafo! ». Una vera sfida per questo artista, che ha lavorato su formati che vanno dai dieci ai venti centimetri al massimo: “Non avrei mai pensato di poter produrre dei caratteri calligrafici così piccoli. Mi dispiace per il povero celebrante che dovrà usarlo, si strapperà gli occhi” scherza.

L’artista ha poi potuto dare libero sfogo alla sua ispirazione per le miniature. “Per le prime carteglorie che ho fatto, mi sono ispirato ai manoscritti commissionati da Luigi XIV al Laboratorio di miniatura de les Invalides di Parigi. Si adatta bene al museo. Per la seconda commissione, le carteglorie sono un po’ più grandi e ricordano il barocco italiano, così mi sono ispirato a un manoscritto del XV secolo fiorentino, il breviario del re d’Ungheria Mattia Corvino, un’opera riccamente decorata”.

Illuminazione, un quadro espressivo

Olivier Naude, seduto davanti al suo tavolo da disegno, si destreggia con facilità tra pennelli e materiali per mostrarci la doratura e il colore che si sforza di applicare. Sulla cartagloria centrale, le ghirlande sono composte da più di 260 fiori con i loro boccioli; i medaglioni ripercorrono fedelmente l’infanzia di Cristo fino al luogo dove sono state prodotte le cornici, Betlemme. “Il mio lavoro è quello di rendere l’infinitamente piccolo ma non dimenticare mai che deve rimanere un dipinto espressivo, per quanto piccolo possa essere, non le gambe di una mosca! Per questo non c’è alcun mistero: un quadro di successo si basa su un disegno di successo, cioè su una linea finemente disegnata ed espressiva. Un po’ come le persone che sono definite dai loro tratti caratteriali!”.

La progressione è lenta e il lavoro è delicato per preservare ciò che è già stato realizzato. “Vedi questi sfondi, è solo un susseguirsi di piccole pennellate che permettono di ottenere una sfumatura di blu così delicata, anche il manto della Vergine, che è a sua volta blu, spicca sullo sfondo”, ci mostra nella prima commissione che tornerà a Gerusalemme molto presto. E l’artista conclude con un tocco di umorismo: “Nella miniatura dei libri, la cosa più difficile è resistere! Bisogna avere una pazienza angelica e un occhio come una lince! È una professione contemplativa, capisco perché i monaci, totalmente sconosciuti, abbiano praticato quest’arte per secoli, cantando i loro salmi tra due sessioni di miniatura.

Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter versione stampabile