7 Maggio 2019

La storia del reliquario utilizzato per la festa dell’Invenzione della Croce

Questa mattina nel Santo Sepolcro si è celebrata la festa dell’Invenzione della Croce di Sant’Elena (dal latino invenire: trovare). In questa occasione è stato esposto un reliquiario in oro e pietre preziose contenente i frammenti della Vera Croce. Venne realizzato nel 1947 da un orafo benedettino, fra Braun, con oggetti lasciati o donati dai pellegrini al Santo Sepolcro nel corso dei secoli.

Più di 39 rubini, 243 diamanti, 23 ametiste, 10 smeraldi, zaffiri, opali e perle sono stati incastonati sull’oggetto. I medaglioni, sui quattro lati della base, rappresentano diverse scene della Passione e Risurrezione di Cristo, tra cui Gesù nel giardino del Getsemani, sulla Croce, la fustigazione di Cristo, la Mater Dolorosa, la Risurrezione e il Sacro Cuore.

Dopo un anno di lavoro, l’artista ha presentato il suo oggetto con la seguente lettera (estratto):

Gerusalemme, 1 aprile 1947.

Al padre guardiano più reverendo della Terra Santa, oggi, dopo quasi un anno, ho completato il reliquiario per la reliquia della Santa Croce, e vi ringrazio dal profondo del cuore per la fiducia che mi hai dimostrato nello svolgere questo lavoro e spero che questo sacro tesoro, ora conservato con tale dignità, aumenti la venerazione di ciascuno di noi (…)